Il Natale causa di depressione e ansia

Se  

per  

qualcuno  

gli  

addobbi  

natalizi,  

le  

luminarie,  

la  

preparazione  

di  

prelibatezze  

coinvolgono  

e  

aiutano  

ad  

entrare  

in  

un  

clima  

di  

condivisione  

e

rilassatezza  

per  

altri  

possono  

essere  

causa  

di  

ansia  

e  

agitazione.  

Può  

sembrare  

strano,  

ma  

il  

periodo  

pre  

e  

post  

natalizio  

può  

essere  

fonte  

di

pesanti  

disagi  

soprattutto  

per  

quelle  

persone  

che  

investono  

emotivamente  

molto  

sul  

Natale  

anche  

attraverso  

la  

corsa  

sfrenata  

ai  

doni  

per  

amici  

e

parenti.  

Molte  

volte  

il  

problema  

nasce  

dalla  

necessità  

di  

fare  

“bella  

figura”  

in  

particolar  

modo  

con  

quei  

parenti  

che  

si  

incontrano  

soltanto  

per  

le  

feste

e  

dai  

quali  

non  

si  

vogliono  

ricevere  

critiche.  

Così  

come  

accade  

con  

le  

strenne  

natalizie,  

con  

la  

scusa  

che  

Natale  

viene  

una  

volta  

all’anno,  

ci  

si  

sfoga

nell’acquisto  

e  

nel  

consumo  

più  

del  

necessario  

di  

pietanze  

e  

dolciumi  

vari.  

I  

sintomi  

più  

frequenti  

riguardano  

l’acutizzarsi  

di  

sentimenti  

come  

la

malinconia e la tristezza, l’inappetenza, e disturbi connessi alla qualità e alla quantità del sonno.

Tutto  

ciò  

può  

originare,  

in  

alcuni,  

comportamenti  

compulsivi  

e  

attacchi  

d’

ansia

  

senza  

che  

ne  

abbiano  

piena  

coscienza.  

Il  

Natale  

è  

per  

tutti  

fonte  

di

grande  

investimento  

emotivo.  

E’  

come  

se  

tornando  

un  

po’  

bambini  

sperassimo  

che  

il  

potere  

magico  

di  

quel  

periodo  

potesse  

cancellare  

in  

un  

sol

colpo  

le  

nostre  

frustrazioni  

e  

ci  

facesse  

sentire  

meno  

abbandonati.  

Succede  

invece  

che  

finite  

le  

festività  

i  

nostri  

malesseri  

di  

cui  

non  

avevamo  

piena

coscienza ritornano sfociando in ansia e depressione.

I  

regali  

è  

meglio  

farli  

se  

si  

avverte  

davvero  

il  

desiderio  

e  

sceglierli  

in  

rapporto  

alla  

persona  

avendo  

presente  

che  

un  

piccolo  

pensiero  

ben  

curato  

sarà

di  

certo  

apprezzato  

meglio  

di  

un  

oggetto  

donato  

senza  

sentimento.  

E’  

importante  

tornare  

sul  

valore  

di  

questa  

festività  

come  

una  

riunione  

fondata

sull’affetto e sull’amicizia e non con l’idea di un bisogno di cercare qualcosa che manca compulsivamente.

Chi  

accusa  

particolarmente  

questi  

disagi  

sono  

persone  

che  

stanno  

già  

attraversando  

momenti  

negativi  

dal  

punto  

di  

vista  

professionale,  

affettivo  

o

personale o per quelle persone che vivono in una situazione di solitudine.

La  

depressione  

e  

l’

ansia  

in  

chi  

è  

predisposto,  

ma  

anche  

in  

altre  

persone,  

vengono  

arginate  

nel  

periodo  

pre-natalizio

,  

però  

si  

accentuano  

nel

durante e dopo le festività.

Tra  

le  

ragioni  

più  

frequenti  

di  

innalzamento  

dello  

stress  

vi  

sono:  

le  

ansie  

e  

le  

problematiche  

della  

vita  

di  

tutti  

i  

giorni  

non  

fanno  

affrontare  

le  

festività

con  

il  

giusto  

grado  

di  

serenità,  

la  

convivenza  

obbligata  

per  

molte  

ore  

del  

giorno  

con  

i  

parenti  

ed  

inoltre  

dato  

il  

periodo  

storico  

il  

sentirsi  

colpiti  

dalla

crisi economica.

Per  

fronteggiare  

nel  

migliore  

dei  

modi  

queste  

situazioni  

vi  

possono  

essere  

alcune  

soluzioni.  

Ad  

esempio  

un  

luogo  

dove  

è  

possibile  

ritrovare  

la

serenità  

familiare  

e  

dove  

vivere  

stati  

d’animo  

positivi.  

Il  

cimentarsi  

in  

cucina  

e  

nella  

preparazione  

di  

addobbi  

e  

decori  

per  

la  

tavola  

può  

dare  

vita  

ad

un momento di condivisione per la famiglia. Il gusto della condivisione è proprio questo, ovvero, lo scegliere con chi stare e dove stare.

Di  

solito  

la  

Depressione  

Natalizia

”  

è  

circoscritta  

a  

tale  

periodo,  

e  

svanisce  

con  

la  

ripresa  

delle  

abitudini  

di  

tutti  

i  

giorni.  

Una  

tecnica  

per  

questo

periodo  

potrebbe  

essere  

quella  

di  

dedicare  

maggiore  

priorità  

a  

se  

stessi  

e  

ai  

propri  

spazi  

ed  

interessi  

proprio  

perché  

questo  

periodo  

dovrebbe

donare a tutti, sul serio, un po’ di felicità e armonia.

Questo articolo è stato pubblicato anche da

Affaritaliani.it

STUDIO MILANO Riceve su appuntamento DOTT. STEFANO BECAGLI Via Zurigo 24/4 Milano a 500 metri dalle fermate BISCEGLIE o INGANNI linea M1 (ROSSA). Bus: 49/58/63/78 E’ possibile richiedere un appuntamento ai seguenti contatti: Telefono: 349 3810997 e-mail: info@stefanobecagli.it
      

Il  

Natale  

causa  

di  

depressione  

e

ansia

Se  

per  

qualcuno  

gli  

addobbi  

natalizi,  

le  

luminarie,

la   

preparazione   

di   

prelibatezze   

coinvolgono   

e

aiutano  

ad  

entrare  

in  

un  

clima  

di  

condivisione  

e

rilassatezza   

per   

altri   

possono   

essere   

causa   

di

ansia  

e  

agitazione.  

Può  

sembrare  

strano,  

ma  

il

periodo  

pre  

e  

post  

natalizio  

può  

essere  

fonte  

di

pesanti   

disagi   

soprattutto   

per   

quelle   

persone

che   

investono   

emotivamente   

molto   

sul   

Natale

anche   

attraverso   

la   

corsa   

sfrenata   

ai   

doni   

per

amici   

e   

parenti.   

Molte   

volte   

il   

problema   

nasce

dalla  

necessità  

di  

fare  

“bella  

figura”  

in  

particolar

modo  

con  

quei  

parenti  

che  

si  

incontrano  

soltanto

per  

le  

feste  

e  

dai  

quali  

non  

si  

vogliono  

ricevere

critiche.    

Così    

come    

accade    

con    

le    

strenne

natalizie,  

con  

la  

scusa  

che  

Natale  

viene  

una  

volta

all’anno,  

ci  

si  

sfoga  

nell’acquisto  

e  

nel  

consumo

più  

del  

necessario  

di  

pietanze  

e  

dolciumi  

vari.  

I

sintomi  

più  

frequenti  

riguardano  

l’acutizzarsi  

di

sentimenti   

come   

la   

malinconia   

e   

la   

tristezza,

l’inappetenza,  

e  

disturbi  

connessi  

alla  

qualità  

e

alla quantità del sonno.

Tutto  

ciò  

può  

originare,  

in  

alcuni,  

comportamenti

compulsivi    

e    

attacchi    

d’

ansia

    

senza    

che    

ne

abbiano   

piena   

coscienza.   

Il   

Natale   

è   

per   

tutti

fonte  

di  

grande  

investimento  

emotivo.  

E’  

come  

se

tornando    

un    

po’    

bambini    

sperassimo    

che    

il

potere  

magico  

di  

quel  

periodo  

potesse  

cancellare

in  

un  

sol  

colpo  

le  

nostre  

frustrazioni  

e  

ci  

facesse

sentire  

meno  

abbandonati.  

Succede  

invece  

che

finite   

le   

festività   

i   

nostri   

malesseri   

di   

cui   

non

avevamo  

piena  

coscienza  

ritornano  

sfociando  

in

ansia e depressione.

I   

regali   

è   

meglio   

farli   

se   

si   

avverte   

davvero   

il

desiderio   

e   

sceglierli   

in   

rapporto   

alla   

persona

avendo   

presente   

che   

un   

piccolo   

pensiero   

ben

curato   

sarà   

di   

certo   

apprezzato   

meglio   

di   

un

oggetto  

donato  

senza  

sentimento.  

E’  

importante

tornare  

sul  

valore  

di  

questa  

festività  

come  

una

riunione  

fondata  

sull’affetto  

e  

sull’amicizia  

e  

non

con  

l’idea  

di  

un  

bisogno  

di  

cercare  

qualcosa  

che

manca compulsivamente.

Chi   

accusa   

particolarmente   

questi   

disagi   

sono

persone  

che  

stanno  

già  

attraversando  

momenti

negativi  

dal  

punto  

di  

vista  

professionale,  

affettivo

o  

personale  

o  

per  

quelle  

persone  

che  

vivono  

in

una situazione di solitudine.

La  

depressione  

e  

l’

ansia  

in  

chi  

è  

predisposto,  

ma

anche   

in   

altre   

persone,   

vengono   

arginate   

nel

periodo   

pre-natalizio

,   

però   

si   

accentuano   

nel

durante e dopo le festività.

Tra  

le  

ragioni  

più  

frequenti  

di  

innalzamento  

dello

stress  

vi  

sono:  

le  

ansie  

e  

le  

problematiche  

della

vita   

di   

tutti   

i   

giorni   

non   

fanno   

affrontare   

le

festività    

con    

il    

giusto    

grado    

di    

serenità,    

la

convivenza   

obbligata   

per   

molte   

ore   

del   

giorno

con  

i  

parenti  

ed  

inoltre  

dato  

il  

periodo  

storico  

il

sentirsi colpiti dalla crisi economica.

Per   

fronteggiare   

nel   

migliore   

dei   

modi   

queste

situazioni  

vi  

possono  

essere  

alcune  

soluzioni.  

Ad

esempio  

un  

luogo  

dove  

è  

possibile  

ritrovare  

la

serenità   

familiare   

e   

dove   

vivere   

stati   

d’animo

positivi.     

Il     

cimentarsi     

in     

cucina     

e     

nella

preparazione  

di  

addobbi  

e  

decori  

per  

la  

tavola

può  

dare  

vita  

ad  

un  

momento  

di  

condivisione  

per

la  

famiglia.  

Il  

gusto  

della  

condivisione  

è  

proprio

questo,  

ovvero,  

lo  

scegliere  

con  

chi  

stare  

e  

dove

stare.

Di  

solito  

la  

Depressione  

Natalizia

”  

è  

circoscritta

a   

tale   

periodo,   

e   

svanisce   

con   

la   

ripresa   

delle

abitudini  

di  

tutti  

i  

giorni.  

Una  

tecnica  

per  

questo

periodo    

potrebbe    

essere    

quella    

di    

dedicare

maggiore  

priorità  

a  

se  

stessi  

e  

ai  

propri  

spazi  

ed

interessi      

proprio      

perché      

questo      

periodo

dovrebbe   

donare   

a   

tutti,   

sul   

serio,   

un   

po’   

di

felicità e armonia.

Questo   

articolo   

è   

stato   

pubblicato   

anche   

da

Affaritaliani.it

STUDIO MILANO Riceve su appuntamento DOTT. STEFANO BECAGLI Via Zurigo 24/4 Milano a 500 metri dalle fermate BISCEGLIE o INGANNI linea M1 (ROSSA). Bus: 49/58/63/78 E’ possibile richiedere un appuntamento ai seguenti contatti: Telefono: 349 3810997 e-mail: info@stefanobecagli.it
   
© Copyright Dott. Stefano Becagli - Psicologo Clinico e dello Sport - Riceve in Via Zurigo 24/4 Milano - Tel. 349 3810997 
© Copyright Dott. Stefano Becagli - Psicologo Clinico e dello Sport - Riceve in Via Zurigo 24/4 Milano - Tel. 349 3810997